Ultime notizie
Home » Fotovoltaico » POMPA DI CALORE: LA SOLUZIONE AL RISCALDAMENTO.
POMPA DI CALORE: LA SOLUZIONE AL RISCALDAMENTO.

POMPA DI CALORE: LA SOLUZIONE AL RISCALDAMENTO.

POMPA DI CALORE

Come trasformare una casa e renderla completamente autonoma dalle spese della bolletta.

Buongiorno lettore, benvenuto in questo nuovo articolo.

Oggi risponderemo ad una domanda molto ricorrente e discussa: come fare ad avere una casa completamente indipendente?

integrato_pompa_fotovoltaico

Impianto indipendente con pompa di calore

Prima di rispondere a questa domanda spiegherò brevemente cosa si intende per casa indipendente. Con casa indipendente si intende un’abitazione che si auto-produce l’energia elettrica di cui ha bisogno, sfruttandola direttamente nell’uso quotidiano ed inoltre anche per il riscaldamento dell’ambiente.
Sappiamo bene che una casa viene resa indipendente sul fronte elettrico tramite l’apposita installazione di un impianto fotovoltaico. Questo ha l’obbiettivo di trasformare la luce solare in energia elettrica, questa energia verrà poi sfruttata dall’utente nelle sue azioni quotidiane.

Ma per quanto riguarda il gas?

Ovviamente un impianto fotovoltaico base non può coprire anche il consumo di gas perché non ha a disposizioni i mezzi per farlo. Questi mezzi sono comunemente chiamati pompe di calore e in aggiunta i boiler. Montando tali apparecchiature si potrà avere una casa totalmente indipendente sia sul fronte della corrente elettrica, che del riscaldamento (legato direttamente con il primo fronte).
Ovviamente per quanto riguarda il piano cottura, basta sostituirlo con un più moderno e comodo piano ad induzione.

Andiamo ora ad esaminare nel dettaglio il funzionamento e le varie caratteristiche di questo impianto aggiuntivo.

La pompa di calore è un macchinario che ha lo scopo di immagazzinare l’aria, comprimerla al suo interno (portandola così ad una temperatura molto più alta) ed infine utilizzarla per scaldare l’ambiente e l’acqua sanitaria. Questa pompa di calore è alimentata interamente dal pannello solare e richiede una quantità di energia del 25% sull’intera produzione.
Aggiungendo un boiler al sistema della pompa di calore, si andrà ad aumentare significativamente il rendimento dell’impianto. Tale boiler ha l’obbiettivo di riscaldare l’acqua contenuta al suo interno, per utilizzarla in tutto la casa; così facendo avrete acqua calda e riscaldamento anche nei momenti di non produzione del pannello fotovoltaico. Per essere più chiaro: questo boiler è collegato direttamente alla pompa di calore, la pompa scalda la serpentina all’interno del boiler che, a sua volta,va a scaldare l’acqua contenuta all’interno. Possiamo facilmente dedurre che l’acqua rimarrà calda per una durata di tempo maggiore, essendo così disponibile in situazioni di non-produzione.

Ma conviene veramente montare questo tipo di impianto?

pompa-di-calore-per-fotovoltaico

Pannello solare con boiler

Possiamo assicurare che i VANTAGGI sono parecchi e molto significativi.

  • Si ha una vera e propria estinzione di ogni sorta di pagamento riguardante le bollette per il gas. Diventerete completamente autonomi e senza necessità di acquistare corrente e gas dai gestori; inoltre tutte le spese di manutenzione (obbligatorie ogni 2 anni per le caldaie comuni) spariranno, le uniche manutenzione che verranno effettuate saranno eseguite solo in caso di riscontro di un vero e proprio problema.
  • Un impianto del genere rende la propria casa più sicura. Basti pensare che con un impianto del genere non ci sarà alcun rischio di perdite, nessun tipo di gas nocivo o infiammabile. Sarà un’abitazione più sicura per le famiglie e non si riproporrà più il dubbio sull’aver chiuso il gas una volta partiti per le vacanze.
  • Infine possiamo affermare con certezza che il sistema preso in considerazione è in pieno rispetto dell’ambiante e della natura. Non essendoci nessun tipo di combustione, non ci sarà neanche la produzione di gas o sostanze nocive che verranno poi rilasciate nell’ambiente.

Purtroppo questo tipo di impianto ha anche degli SVANTAGGI.

  • Non tutti possono montare una pompa di calore. Questo perché la pompa solitamente fatica a raggiungere temperature superiori ai 55°C e se le raggiunge aumenta esageratamente la quantità di energia elettrica richiesta; questo potrebbe essere un consistente problema che affligge chi monta dei termosifoni vecchi; questi infatti funzionano ad una temperatura media di 60°C e la pompa non riuscirebbe a sostenere il lavoro in modo economico. Al contrario chi è dotato di termosifoni di ultima generazione o addirittura di un pavimento termo-riscaldato non ha alcun problema nell’eseguire la sostituzione dell’impianto.
  • L’altro problema è lo spazio occupato dall’impianto. Infatti la pompa di calore necessita di essere montata all’esterno dell’abitazione (in maniera molto similare ai condizionatori) per assorbire correttamente l’aria. Il boiler invece andrebbe montato in un possibile locale caldaia date le sue dimensioni non esigue (solitamente si aggirano intorno ai 1,5 x 0,5 x 0,5 m)

In conclusione: si può dire che l’installazione di un impianto del genere non può far altro che migliorare lo standard di vita e aumentare nettamente il risparmio derivante dall’estinzione delle spese per la bolletta. Ovviamente non tutti hanno la possibilità di montare questo tipo di impianto; ma per coloro i quali hanno questa possibilità consigliamo vivamente di scegliere questa strada, una strada proiettata nel futuro.

PER RICEVERE UN PREVENTIVO GRATUITO E SENZA IMPEGNO CLICCA QUI.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*