Ultime notizie
Home » Fotovoltaico » FOTOVOLTAICO NEL 2016: ECCO PERCHE’ CONVIENE!
FOTOVOLTAICO NEL 2016: ECCO PERCHE’ CONVIENE!

FOTOVOLTAICO NEL 2016: ECCO PERCHE’ CONVIENE!

Fotovoltaico nel 2016

I pannelli solari fotovoltaici assorbono i raggi solari, convertendoli in elettricità. In particolare il fotovoltaico nel 2016 è diventato più efficiente con rese ben superiori agli anni passati.

Vi sono due tipi di impianti fotovoltaici:
Impianti fotovoltaici ‘ad isola’, detti anche ‘stand-alone’ che consumano direttamente l’energia prodotta senza la presenza della rete elettrica nazionale, come ad esempio nelle baite di montagna, dove non arriva l’elettricità, viene aggiunta all’impianto una batteria di accumulo, in cui viene immagazzinata tutta la corrente prodotta dall’impianto, che poi sarà utilizzata dell’utente;
Impianti fotovoltaici ‘connessi in rete’, detti anche ‘grid-connected’ sono impianti connessi ad una rete elettrica di distribuzione già esistente, che vengono installati presso le abitazioni e presso le aziende, e sono la maggioranza di impianti solari fotovoltaici presenti in Italia.

La conversione in energia elettrica inizia subito dopo il contatto.

L’elettricità prodotta dai pannelli è in corrente continua, ovvero in tensione bassa, coma per esempio quella della batteria della macchina.
L’energia passa dall’inverter, che converte l’energia continua in energia alternata.
L’energia alternata passa per il contatore di produzione, che girando conta quanta corrente viene prodotta.
Arriva infine in casa o in azienda, dove viene utilizzata per le varie necessità, ad esempio frigoriferi, televisori, computer, macchinari vari, ecc…
Nel caso di impianti connessi alla rete, l’energia che viene prodotta in eccesso, viene immediatamente venduta al GSE , per esempio se ne venisse prodotta 3KW e tu ne utilizzassi solo 2KW, i restanti 1KW verrebbero venduti al GSE, che paga la corrente semestralmente tramite bonifico bancario.
I pannelli producono energia anche durante un giorno di pioggia o poco soleggiato, ovviamente producendone meno, esempio ne viene prodotta 1,5KW e tu ne usi 2,5KW, in questo caso dovrai prelevare dalla rete il restante KW; questo significa che in quest’ultimo caso pur utilizzando 2,5KW ne paghi solo uno.
Un impianto ben dimensionato e studiato per i consumi specifici di ogni singolo utente permette di abbattere a zero il prelievo di corrente dall’Enel durante le ore diurne, cioè durante le ore in cui il fotovoltaico viene a contatto con la luce.

Perché conviene:

Il fotovoltaico nel 2016 è conveniente perché si ha:
1. L’auto-consumo;
2. Utilizzi energia pulita;
3. Vantaggi fiscali.

1. Si ha l’auto-consumo, quando il cliente non acquista l’energia da un gestore elettrico bensì utilizza la propria corrente prodotta, assicurandosi quindi un risparmio sulla bolletta, poiché evita di acquistare corrente dall’ENEL.
2. Utilizzi energia pulita, che è un’energia sostenibile, poiché l’energia solare è un’energia rinnovabile, quindi aumenta anche il valore dell’immobile visto che oggigiorno i valori degli immobili aumentano in base alla classificazione energetica.
Per esempio un immobile classificato in classe energetica A, avrà sicuramente maggior valore rispetto ad un immobile di uguali caratteristiche ma classificato in classe energetica inferiore, per esempio G.
Quindi con il fotovoltaico non si ha solo un risparmio, ma si ha anche una maggiorazione del valore del proprio immobile.

fotovoltaico nel 2016

 

Per quanto riguarda il fotovoltaico nel 2016 i pannelli solari fotovoltaici non inquinano, non producono emissioni dannose, residui o scorie nocive e non richiedono combustibili.
Non producono rumori.
Questo permette di migliorare notevolmente la qualità dell’aria che respiriamo, con tutte le conseguenze positive, che non sto qui ad elencare.

3. Si hanno detrazioni fiscali, nel caso dei privati.
I privati beneficiano del 50% di detrazione fiscale spalmata in 10 anni, quindi la metà dell’investimento sostenuto per l’istallazione del fotovoltaico ti viene restituito sotto forma di rimborso fiscale, mentre l’altra metà riesci ad ammortizzarla in massimo 7 anni a seconda del luogo d’istallazione e della qualità dell’impianto scelto.
Per quanto riguarda le aziende, invece, il fotovoltaico nel 2016 è diventato molto vantaggioso, grazie alle nuove normative introdotte a inizio anno, consistenti in un vantaggio fiscale sull’ammortamento aziendale. In particolare è stata introdotta la possibilità di mettere in detrazione il 140% del costo dell’impianto fotovoltaico. Questo permette di recuperare i soldi spesi per questo investimento in ancora meno tempo rispetto al passato.
Inoltre se l’impianto fotovoltaico installato non supera i 20KWp l’azienda può beneficiare dei Certificati Bianchi, una for
ma di contributo creata dalla comunità europea.

Le dimensioni:

Nell’ambito della progettazione del fotovoltaico nel 2016, del dimensionamento di un impianto domestico si fa tenendo conto:
Della potenza media necessaria a coprire i consumi elettrici;
Dallo spazio a disposizione. Per esempio per creare un impianto da 3KW servono 10/12 pannelli circa ed uno spazio disponibile di circa 20mq ben soleggiato.

images

CHIEDI SUBITO UN PREVENTIVO GRATIS PER LA TUA ABITAZIONE O AZIENDA. CLICCA QUI

2 commenti

  1. Federico Gritti

    Dispongo sia di vari piccoli impianti ad isola che di un impianto connesso in rete a casa mia. I risultati sono strabilianti: la spesa iniziale è altamente ripagata. L’energia solare può e deve essere sfruttata al massimo, perché è inesauribile. Consiglio a tutti un impianto per lo sfruttamento dell’energia solare.

  2. Wow that was odd. I just wrote an extremely long comment but after I clicked submit my comment didn’t show up. Grrrr well I’m not writing all that over again. Anyway, just wanted to say superb blog! gbeeddegefda

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*