Ultime notizie
Home » Fotovoltaico » FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO
FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO

FOTOVOLTAICO CON ACCUMULO

Accumulo di energia

Il pannello solare fotovoltaico è un sistema di assorbimento e consumo dell’energia proveniente dal sole, un tipo di energia rinnovabile, pulita e sopratutto inesauribile. La capacità del pannello solare sta nell’assorbire i raggi solari e trasformarli, mediante un inverter, in energia elettrica. Vi sono due tipi di pannelli fotovoltaici: ad isola e connessi in rete. I primi sono di medio – piccole dimensioni, e vengono installati ad esempio sulle calcolatrici, sui caricabatterie per telefoni e, al massimo, nelle baite montane: questo perché non sono connessi ad una rete elettrica. Quelli connessi in rete sono invece la tipologia principale di impianti. Vengono installati sui tetti delle abitazioni per fornire grandi quantitativi di energia e sono connessi alla rete elettrica gestita dal G.S.E. (Gestore Servizi Energetici). In particolare, il G.S.E. controlla l’energia che assorbe effettivamente l’impianto. Ma, se ci pensiamo, l’energia accumulata dal nostro sistema può essere in surplus: ad esempio, quando c’è poco consumo e molta produzione energetica, vi è un eccesso di energia che viene immesso in rete, ovvero l’energia viene “venduta” al gestore. Ma negli ultimi anni l’energia che eccede viene pagata molto poco, e risulta sconveniente non “conservarla” per usi futuri. Ed ecco che entrano in gioco i pannelli fotovoltaici ad accumulo, ovvero dotati di un sistema di immagazzinamento di energia, come ad esempio una batteria. Ma vediamo insieme i principali tipi di accumulatori.

Sistemi ON GRID lato produzione

In questo sistema, l’inverter gestisce le batterie e decide il momento opportuno per caricarle e per utilizzarne l’energia immagazzinata dentro di esse. Se le batterie sono completamente cariche, l’invertitore provvede ad immettere l’energia in eccesso in rete in quanto il sistema On Grid è sempre connesso alla rete domestica. Con questa tecnologia saremo sempre consapevoli di utilizzare ogni kWh prodotto dal nostro impianto, nonostante sia connesso in rete. Inoltre, qualora si disponesse di una macchina ibrida, è possibile installare un serbatoio di energia per ricaricare la propria vettura.

Accumulo

Sistemi ON GRID post produzione

Questo impianto rispecchia molto il sistema On Grid lato produzione. Al post produzione si associa

però un box contenente un altro inverter, il cui compito è quello di controllare il pacco batterie. Trattasi di un sistema On Grid, è sempre connesso alla rete. Il sistema On Grid post produzione è consigliabile per impianti già installati. La scelta deve essere fatta attentamente, in quanto i box contenenti gli invertitori sono venduti da società esterne rispetto a quelle dei normali inverter.

 

Sistemi OFF GRID

I sistemi Off Grid sono comunemente chiamati anche “impianti ad isola”, e non sono mai collegati alla rete di casa. Sono utilizzati per piccole installazioni, ad esempio sulle barche o nelle baite in montagna. Il processo di assorbimento e immagazzinamento dell’energia è uguale ai due precedenti sistemi: l’energia assorbita viene utilizzata per i bisogni immediati mentre l’energia in surplus viene utilizzata dall’inverter per caricare le batterie. Essendo sistemi Off Grid e quindi non connessi alla rete, quando le batterie sono cariche l’impianto non assorbe più energia solare.

Accumulo

Conclusioni

Queste nuove tipologie di impianti sono molto convenienti e nel pieno rispetto dell’ambiente. Nelle abitazioni, gli impianti connessi in rete con batterie di accumulo stanno diventando sempre più numerosi. Questo perché i prezzi sono scesi molto negli ultimi anni, nonostante la tecnologia abbia fatto grandi passi avanti. Questo ha reso il fotovoltaico con accumulo un ottimo investimento per le famiglie italiane.

CLICCA QUI PER RICEVERE IL TUO PREVENTIVO.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*